OCCHIO AL WEB


click 219 Stampa


Mettere a rischio la sicurezza sul web con i social network è fin troppo facile. Oggigiorno la parola ‘pubblicare’ ormai è divento un vocabolo sempre più utilizzato, in un’epoca dove ci piace condividere con tutto il mondo i nostri momenti più belli, anche quelli più personali come matrimoni, vacanze, foto dei primi passi dei nostri figli. Ma fino a dove è giusto spingersi? Un uso intensivo dei social network e la gioia di condividere con gli altri i momenti più belli, può involontariamente portare a sottovalutare il valore reale dei dati pubblicati. Alcune persone mal intenzionate potrebbero infatti, tracciare la nostra vita, semplicemente mettendo insieme tutte le informazioni condivise tramite internet. Per cercare di limitare il più possibile spiacevoli situazioni dove la nostra privacy può essere a rischio, basta osservare poche semplici accortezze. Alcuni consigli che potremmo tutti tenere a mente sono di evitare utilizzare la geolocalizzazione dei nostri movimenti o delle nostre foto, evitare foto intime o private della vita quotidiana, non indicare mai il nome delle strutture dove ci rechiamo, in special modo dei nostri bambini (scuole, asili, doposcuola ecc..). E’ considerato un metodo più sicuro scegliere cosa condividere piuttosto che selezionare gli utenti con cui farlo. Uno dei punti fondamentali che dobbiamo osservare è quella anche di limitare l’utilizzo dei social network a persone di giovane età, come nei bambini dai 6 ai 10 anni e ai ragazzi non ancora maggiorenni, controllando la loro cronologia, e spiegandogli le giuste accortezze che bisognerebbe tenere a mente navigando nel web, per evitare spiacevoli situazioni di persone mal intenzionate che posso approfittare dell’ingenuità dei più giovani.



17/01/2019