COLORANTE E 150D, È CANCEROGENO!


click 1503 Stampa


Da quali ingredienti sono composte le bevande analcoliche più vendute al mondo? Basterebbe leggere l’etichetta sulla bottiglia della Coca Cola o della Pepsi e fare una breve ricerca, per rendersi subito conto che le sostanze contenute non sono certo un toccasana per la nostra salute : acqua, zucchero, anidride carbonica, colorante E 150d, acidificante acido fosforico e aromi naturali inclusa caffeina. 
Da anni accusate di far male al nostro organismo in quanto alterano in modo significativo il ph naturale del sangue, e poi perché i minerali sottratti alle ossa e a i denti portano alla decalcificazione ossea, rimangono comunque le bibite più conosciute e consumate.
Questa volta sotto accusa c’è il sottoprodotto del colorante caramello, il 4-MEI (4metilimidazolo), residuo non voluto del processo di produzione dei caramelli a base di ammoniaca che, secondo quanto ha rilevato  l'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro dell'Oms, risulterebbe tra le 249 sostanze potenzialmente cancerogene per l'uomo.
Dal canto suo, Coca Cola ha deciso di modificare la formula segreta riducendo la presenza del composto incriminato, risultando a prima vista più pallida senza però alterare il gusto (che conserverebbe la stessa qualità), tutto ciò per non dover apporre un’etichetta che altrimenti avrebbe dovuti informare del rischio di cancro, che non sarebbe stato sicuramente un buon ritorno d’immagine.
Vale la pena precisare che questo colorante è presente anche in altri tipi di alimenti come ad esempio caramelle, aceto balsamico e salsa di soia, quindi sarebbe opportuno l’intervento da parte del Ministero della Salute per mettere definitivamente al bando questo sostanza che mette a rischi anche la salute dei bambini.



12/03/2012