L’Istat ha rilevato un aumento della fiducia di consumatori e imprese ad agosto 2020.

L’Istat ha rilevato che ad agosto 2020 il clima di fiducia dei consumatori sia aumentata rispetto al mese precedente, in particolare, passando da 100,1 a 100, 8. Allo stesso tempo ha subito un incremento anche il clima di fiducia delle imprese, passando da 77,0 a 80,8 e, tra le componenti, il clima economico è stato quello che ha registrato l’incremento più significativo, da 85,9 a 90,1. Per i consumatori ulteriore incremento risulta negli indicatori di clima corrente, passando da 97,3 a 98,1 e di clima futuro, da 104,3 a 105,3. In lieve calo la componente personale che diminuisce di 0,3 punti, precisamente da 105,2 a 104,9.

Di seguito il comunicato stampa ufficiale dell’Istat:

“Ad agosto 2020 si stima un aumento sia del clima di fiducia dei consumatori (da 100,1 a 100,8) sia dell’indice composito del clima di fiducia delle imprese che sale da 77,0 a 80,8.

Tra le componenti del clima di fiducia dei consumatori, il clima economico registra l’aumento più marcato passando da 85,9 a 90,1. Anche il clima corrente e futuro migliorano passando, rispettivamente, da 97,3 a 98,1 e da 104,3 a 105,3; solo la componente personale diminuisce lievemente (da 105,2 a 104,9).

Con riferimento alle imprese, le stime evidenziano un aumento della fiducia diffuso a tutti i settori seppur con intensità diverse. In particolare, nell’industria l’indice di fiducia del settore manifatturiero sale da 85,3 a 86,1 e nelle costruzioni aumenta da 129,7 a 132,6. Per il comparto dei servizi, si evidenzia una dinamica positiva decisamente più marcata: nei servizi di mercato l’indice sale da 66,0 a 74,7 e nel commercio al dettaglio aumenta da 86,7 a 94,0.

Per quanto attiene alle componenti dell’indice di fiducia, nell’industria manifatturiera migliorano i giudizi sugli ordini mentre le attese di produzione sono in calo. Le scorte di prodotti finiti sono giudicate in lieve accumulo rispetto al mese scorso. Per le costruzioni, l’aumento dell’indice è trainato da un deciso miglioramento delle attese sull’occupazione presso l’impresa, mentre i giudizi sugli ordini si deteriorano.

Nei servizi di mercato migliorano sia i giudizi sugli ordini sia quelli sull’andamento degli affari; si registra, tuttavia, un peggioramento delle attese sugli ordini. Nel commercio al dettaglio migliorano tutte le componenti dell’indice. A livello di circuito distributivo, la fiducia aumenta marcatamente nella grande distribuzione mentre nella distribuzione tradizionale l’incremento è più contenuto”.