Il tatuaggio è un segno che, una volta fatto, rimane per sempre sulla pelle. Accanto alla versione tradizionale ne esistono però altre forme, la cui caratteristica è quella di essere temporanei oltre che molto più
economici. Una nota dell’Agenzia francese della sicurezza sanitaria ha però lanciato un allarme sulla presunta sicurezza di questi tatuaggi provvisori: i rischi per la salute, in realtà, esistono. Alla tintura naturale, che
prende il nome di hennè, viene infatti mescolata una sostanza che permette di ottener5e il colore nero, la parafenildiamina (PPD). Questa sostanza può favorire reazioni allergiche locali, causa di gonfiore, prurito e
rossore, ma anche provocare un senso di malessere generale e non circoscritto alla zona interessatas. Inoltre, considerando che la maggior parte di questi tatuaggi viene eseguita in spiaggia, le precarie condizioni
igeniche intervengono in maniera importante, aumentando il rischio di problemi per la salute. Gli esperti dunque invitano alla prudenza riguardo questo tipo di pratica, consigliando in particolare di evitare il colore nero.