Non è stato certamente un fine settimana felice, prima l’attacco alla scuola a Brindisi poi il terremoto che ha scosso il Nord Italia causando la morte di diverse persone, riportando i cittadini a rivivere attimi di panico, vista l’intensità del terremoto paragonabile a quello che ha devastato l’Abruzzo tre anni fa.
“Siamo vicini ai cittadini emiliani e lombardi  e ci auguriamo possano tornare presto nelle loro case –afferma il Presidente Nazionale dell’Udicon, Denis Nesci – il nostro plauso va come al solito all’ottimo lavoro svolto dalla Protezione Civile e a tutte le forze che si sono tempestivamente impiegate per prestare soccorso e assistenza ai cittadini , aggiornando quotidianamente lo stato di emergenza che tuttora persiste, alla luce delle scosse sismiche che anche questa mattina sono state registrate dai sismografi”.