“Siamo vicini al dolore dei familiari delle vittime della tragedia di Viareggio”:sono le parole di Denis Nesci, presidente dell’Unione per la Difesa dei Consumatori. “Ci aspettiamo- continua -che si proceda al più presto all’accertamento delle responsabilità sull’accaduto. Ci chiediamo prima di tutto se le norme che regolano il trasporto di materiali pericolosi nelle immediate vicinanze di un centro abitato sono sufficienti a tutelare i cittadini. Si impone, almeno questa volta e davanti a queste terribili conseguenze, un esame di coscienza su quello che poteva essere fatto per evitare tutto ciò. Ci viene da pensare- aggiunge- che Trenitalia spa abbia sicuramente fatto un buon lavoro in questi ultimi anni ma è ancora molto lontana dal raggiungimento degli standard di sicurezza e qualità che un Paese come l’Italia deve avere. Il trasporto su rotaia in Italia come negli altri Paesi è uno strumento importantissimo di progresso, pertanto chiediamo alla società che detiene il monopolio di questo strumento che vengano fatti in maniera celere dei piani di riassetto dell’intera strada ferrata per non creare situazioni come quelle di questa notte, ma allo stesso tempo di garantire a tutti i cittadini italiani un omogeneo servizio di qualità. Chiedo inoltre-conclude Nesci- che le autorità intervengano affinchè sciagure di questo tipo non debbano verificarsi. Mai più”.