Aspettavamo con ansia la fine della riunione del Consiglio dei Ministri, con la speranza che almeno i punti chiave del decreto sanità potessero dare maggiore credibilità ad un provvedimento che meritava di essere presentato nella sua bozza originale, e con questo mi riferisco alla cancellazione della tassa sulle bibite gassate, la cui importanza è stata a nostro avviso sottovalutata; una misura atta a limitare il consumo di queste bevande, infatti, era indispensabile, alla luce della pericolosità che esse hanno sulla salute, soprattutto su quella di bambini e adolescenti, abituati a farne un consumo eccessivo”.