POLIZZE ON LINE DAVVVERO MENO CARE?


click 870 Stampa


Le polizze on line (o polizze dirette) sono sottoscrivibili senza muoversi da casa attraverso il web o il telefono. Queste assicurazioni, che fanno a meno dell’intermediazione di un broker (riducendo di fatto i costi sostenuti da un ente assicurativo tradizionale dotato di sedi e agenti), coprono il 6% del mercato assicurativo nazionale. In Italia è un mercato in espansione infatti, secondo gli ultimi dati disponibili, in un anno c’è stata una crescita del 17% (un milione e mezzo in più di polizze dirette). A favorire la loro crescita è prevalentemente la possibilità di risparmiare.


Rispetto ad altri grandi paesi europei, tuttavia, l’Italia sconta ancora un evidente ritardo: sulla situazione italiana, probabilmente pesano fattori come la minore penetrazione di internet e dell’e-commerce. Inoltre, il settore delle polizze dirette è contraddistinto da un elevato grado di concentrazione, con 5 grandi compagnie (Genertel, Genialloyd, Direct Line, Linear, Zurich Conect) che coprono da sole il 96% del mercato e che sono a loro volta figlie del mercato delle polizze tradizionali.


L’U.Di.Con. – Unione per la Difesa dei Consumatori – rileva una mancanza di informazione riguardo a questo nuovo settore. Il nostro impegno è quello di condurre un’indagine a mezzi propri per scoprire i vantaggi, le precauzioni da prendere e le reali caratteristiche delle assicurazioni dirette. Ci chiediamo come possano, delle assicurazioni legate a doppio filo con quelle tradizionali, garantire una reale convenienza per il cittadino consumatore. Come in passato ci siamo domandati quale legame ci fosse tra le parafarmacie e le farmacie tradizionali, ci preme ora di sapere se questo settore rispetta davvero le regole della concorrenza e se può realmente far risparmiare i consumatori italiani.



15/03/2010