TIA E TARSU SENTENZA CORTE È SUFFICIENTE


click 1043 Stampa


L’Iva del 10% su Tia E Tarsu continua a tener banco. Ognuno fornisce la propria versione dei fatti: i cittadini chiedono chiarezza e il rispetto dei propri diritti, le associazioni dei consumatori insistono nel rimarcare l’illegittimità di tale pagamento, i Comuni sostengono di non aver mai beneficiato di quelle somme o di non aver mai applicato la percentuale in questione, le società che gestiscono la nettezza urbana affermano di agire come sostituti di imposta e di versare tutto direttamente all’erario. In mezzo a questa confusione occorre chiarire i punti fondamentali, cioè:
1-    Per richiedere il rimborso bisogna accertarsi di aver effettivamente pagato il 10% dell’Iva sui rifiuti;
2-    La sentenza della Corte costituzionale è chiara, definitiva e inequivocabile, e soprattutto non è necessaria una legge in tal senso, poiché la sentenza 238/2009 della Corte è sufficiente per chiedere il rimborso.
Questi interrogativi sono emersi anche presso i lettori de “Il Piacenza”, giornale on-line con cui Udicon collabora, e sono stati dissipati da un’intervista sull’argomento, intervista che troverete al link seguente:

“Il Piacenza”


UFFICIO STAMPA UDICON


20/10/2009