UN ALTRO RICONOSCIMENTO REGIONALE PER LU.DI.CON., IL TURNO DEL PIEMONTE


click 96 Stampa


PIEMONTE

Roma, 07/10/2019 – Dopo Abruzzo, Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Lazio, Lombardia, Marche, Puglia e Sicilia, l’Unione per la difesa dei consumatori ottiene un altro riconoscimento presso il Comitato regionale dei consumatori e degli Utenti in Piemonte.

“La soddisfazione, quando si ottengono risultati di questo tipo, è sempre ad altissimi livelli. Stiamo lavorando tanto, ma il lavoro duro deve in qualche modo portare in una direzione e mi sento di dire che questa è la direzione giusta – scrive in una nota il Presidente Nazionale U.Di.Con. Denis Nesci – la comunicazione dell’avvenuta iscrizione al Comitato regionale dei consumatori e degli utenti in Piemonte è un altro tassello del puzzle che stiamo provando a comporre e che, al suo completamente, ci porterà sempre più vicino ad una tutela dei consumatori capillare per tutto il territorio nazionale. Devo dire grazie a tutti coloro i quali hanno lavorato per far sì che i cittadini piemontesi potessero riconoscere nell’U.Di.Con. un punto nevralgico per l’informazione, l’assistenza e la tutela dei diritti consumeristici. La professionalità dei nostri operatori e delle sedi territoriali in Piemonte, ha permesso all’U.Di.Con. di entrare nelle case degli utenti, gestendo le loro problematiche e risolvendole. Non è questo il punto d’arrivo – conclude Nesci – in realtà non ce ne poniamo, la tutela del consumatore è in continua evoluzione e fermarsi non è una parola compresa nella nostra tabella di marcia”.

Alle parole del Presidente Nazionale U.Di.Con., fa seguito il Presidente Regionale U.Di.Con. Piemonte, Pino Arceri: “Quando abbiamo iniziato a lavorare per tutelare i consumatori piemontesi ci eravamo posti degli obiettivi, il riconoscimento al Comitato Regionale dei Consumatori e degli Utenti era uno di questi. Non è l’unico però, abbiamo in programma diverse iniziative e vogliamo continuare sulla stessa lunghezza d’onda, al fine di permettere al maggior numero di utenti possibili di sentirsi a casa quando entrano nelle nostre sedi per risolvere una problematica”.



07/10/2019