RICERCA E SVILUPPO IN ITALIA


click 39 Stampa


L’istat ha stimato che nel 2017 , la spesa per R&S intra-muros (la spesa per R&S svolta direttamente dalle imprese, all’interno delle proprie strutture e con il proprio personale), per quanto riguarda il settore pubblico, sia aumentato del 2,7% rispetto all’anno precedente ammontando a circa 23,8 miliardi di euro. Nello stesso anno, oltre  i due terzi della spesa in R&S (ricerca e sviluppo) viene concentrata in cinque regioni (Lombardia, Lazio, Emilia-Romagna, Piemonte e Veneto) con il 68,1% della spesa totale che equivale a 16,2 miliardi di euro; e con riferimento al settore delle imprese, questa quota supera il 75%.

L’ R&S nel settore privato, invece, spende circa 15,2 miliardi di euro di cui le università ne spendono 5,6 miliardi di euro e le istituzioni pubbliche 2,9 miliardi.

Nell’anno successivo, si trovano aumenti nell’ R&S per quanto riguarda le  imprese, le istituzioni pubbliche e private no profit; di cui quest’ultime  nello specifico coprono il 6,2% della crescita della spesa, mentre le pubbliche ne coprono il 6,0% e le imprese un totale di   2,8%.

Imprese ed istituzioni confermano previsioni per il 2019 con ulteriore aumento della spesa in ricerca e sviluppo intra-muros sul 2018 in cui troviamo istituzioni private no profit con il +5,7%, istituzioni pubbliche con il +2,7% e  le imprese  con lo +0,8%.



11/09/2019