I PIATTI PRONTI FANNO INGRASSARE


click 112 Stampa


Quante volte sarà capitato di dover acquistare qualche cibo pronto perché troppo occupati tra lavoro, palestra o altri hobby e quante volte avrete sentito che non è l’ideale; da oggi dovrete prendere quegli adagi un po’ più seriamente. Una ricerca condotta dai National Institutes of Health (l’agenzia degli Stati Uniti per la salute pubblica e la ricerca biomedica) ha infatti evidenziato come il consumo di alimenti preconfezionati porta sia direttamente collegato all’aumento di peso.

Lo studio ha coinvolto 20 uomini e donne, che per 28 giorni sono rimasti sotto stretta osservazione negli scienziati; nelle prime due settimane hanno mangiato soltanto piatti pronti, mentre nelle ultime due i pasti sono stati preparati con ingredienti freschi, prestando attenzione che in entrambi i casi venisse impiegato lo stesso quantitativo di carboidrati, proteine, fibre, grassi, zuccheri e sale.

I risultati sono stati sorprendenti: i partecipanti hanno assunto, in media, 500 calorie in più nel periodo in cui hanno avuto a disposizione solo hot dog, fibre, pancake pronti, ravioli in scatola e tramezzini con marmellata e burro di arachidi, ingrassando circa di un chilogrammo, mentre durante la seconda fase i pasti consistevano in uova strapazzate, pollo, pesce, yogurt greco, frutta e verdura fresca — il tutto preparato sul momento.

La differenza è dovuta principalmente da due fattori: uno relativo alla composizione degli alimenti, che contenendo più zucchero e sale offrono una sensazione di appagamento maggiore, l’altra è un fattore ambientale — il cibo pronto viene spesso consumato in situazioni dove il tempo a disposizione non è molto, motivo per cui il cervello invia il segnale di sazietà in ritardo.

Il consumo di cibo altamente processato è un problema in crescita anche in Italia, tradizionalmente orientata verso lo slow food, a causa dei ritmi di vita frenetici, ma ciò ha un costo; alcuni studi hanno dimostrato una correlazione statistica tra il consumo eccessivo di alimenti già pronti e lo sviluppo di cancro.

Il nostro consiglio, benché sappiamo quanto possa essere difficile conciliarlo con il quotidiano, è di iniziare a vedere il pasto come un momento utile alla nostra salute, evitando per quanto possibile cibi pronti o da fast food, magari cucinando a casa un quantitativo necessario a 2 o 3 giorni.

 



05/09/2019