DUE GIOVANI SI SCHIANTANO DOPO DIRETTA SOCIAL, U.DI.CON.: “NECESSARIO SENSIBILIZZARE I GIOVANI SUL T


click 235 Stampa


Roma, 20/05/2019 – “Continuiamo ad assistere a tragedie di giovani vite spezzate per futili motivi sulle strade d’Italia – scrive in una nota il Vice Presidente Nazionale U.Di.Con. Martina Donini – è sconvolgente pensare che due giovani, come accaduto sull’A1 all’altezza di Modena, perdano la vita per filmare in diretta la loro velocità toccare  220 chilometri orari. Probabilmente a causa della velocità i ragazzi si sono schiantati contro un guardrail e dopo essere scesi per controllare la situazione sono stati letteralmente travolti da un altro mezzo. Proprio fino a qualche momento prima erano in diretta su Facebook per mostrare questo gesto estremo, questo non può far altro che porci degli interrogativi”.

Una diretta Facebook con il tachimetro in bella vista per mostrare i 200 km/h che diventano subito 220. Sabato sera sull’A1 che collega Milano a Napoli, tra Modena Nord e Modena Sud, due ragazzi si sono schiantati, due ragazzi hanno perso la vita dopo essere scesi dall’auto a causa di un terribile schianto, falciati da un’auto che procedeva sulla stessa strada.

“La sensibilizzazione e l’informazione sulla sicurezza stradale non è mai abbastanza, bisogna continuare a fare molto per cercare di portare a diminuire il numero di incidenti stradali dovuti all’utilizzo improprio del telefono e dei social network – conclude Donini – senza tralasciare l’alta velocità, i limiti ci sono e vanno rispettati. Non vorremmo mai che accadessero queste tragedie, siamo vicini alle famiglie dei ragazzi e faremo in modo di aumentare ancora il nostro lavoro di sensibilizzazione per far sì che il numero di vittime legate all’utilizzo del cellulare ed all’alta velocità si avvicini allo zero”.



20/05/2019