INCLUSIONE FEMMINILE NEL MONDO DEL LAVORO, U.DI.CON.: “ASSURDO CHE LE DONNE ITALIANE DEBBANO SCEGLIE


click 221 Stampa


Roma, 14/05/2019 – “I dati che emergono negli ultimi anni su quanto le donne italiane riescano a conciliare la vita privata con il lavoro sono davvero allarmanti – scrive in una nota il Vice Presidente Nazionale U.Di.Con. Martina Donini – praticamente chi vuole fare un figlio deve mettere in conto una futura difficoltà sul posto di lavoro che, volente o nolente rischia di non vedere più la donna protagonista. Tutto questo porta a diversi interrogativi, in primis credo si debba fare di più dal punto di vista delle proposte sulle politiche della famiglia, cercando di equiparare la figura della madre a quella del padre”

Le politiche d i programmi per l’inclusione delle donne nel mercato del lavoro, sono ferme e addirittura sono solitamente quelle soggette a tagli sugli investimenti. Bisogna cercare di non sottovalutare quella che, di fatto, si evidenzia come una grave diseguaglianza tra sessi.

“L’assenza dal posto di lavoro deve essere equilibrata tra i due genitori perché, quando reiterata, la madre rischia di essere posta in una situazione di estremo svantaggio al suo rientro dopo la gravidanza e dopo i primi mesi di vita del figlio – conclude Donini – per questi motivi abbiamo chiesto un riscontro formale sulle iniziative che il Governo sta adottando a tal proposito, proponendoci come parte attiva sulla questione per futuri incontri e audizioni utili a discutere i nuovi programmi per l’inclusione delle donne nel mercato del lavoro”.



14/05/2019