MANOVRA DI BILANCIO, U.DI.CON.: “NOTE POSITIVE, MA SI DOVEVA FARE DI PIÙ”


click 269 Stampa


Roma, 20/12/2018 – “La buona notizia è che l’Italia eviterà la procedura di infrazione in cui rischiava di incorrere se non avesse rispettato i parametri europei nella manovra di bilancio, con la correzione dei saldi a 1,9 miliardi e alcuni aggiustamenti su temi, però, particolarmente sensibili per i consumatori – scrive in una nota il Presidente Nazionale U.Di.Con. Denis Nesci - arriva il super-bonus di 6000 euro per chi acquista un’auto elettrica e rottama la propria, ma nonostante le richieste avanzate dalle associazioni dei consumatori, rimane invariata la previsione sull’ecotassa che, purtroppo non toccherà soltanto le auto extralusso”.

Sta facendo, inoltre, molto discutere la proposta di inserire la TARI in bolletta. La misura riguarderebbe in particolare soltanto i Comuni in dissesto o pre-dissesto finanziario, che abbiano presentato un piano di rientro e che, in questo modo, potranno chiedere alle imprese elettriche di inserire il pagamento nella bolletta della luce, così come già avviene per il canone Rai. Rinviato, poi, a data da definirsi, il taglio sull’Irpef delle famiglie mentre rimane invariata la previsione sulla flat tax al 15% per tutti i redditi sotto i 65.000 euro.

“Sicuramente positiva per i consumatori, la previsione in base alla quale sarà predisposto l’intervento del Genio militare per contribuire a riparare le strade di Roma, che versano da troppo tempo in condizioni di viabilità pessime, a causa delle buche. L’introduzione di questo emendamento – conclude Nesci - si giustifica per il carattere emergenziale dell’intervento, comprovato anche dal fatto che la parola «buche» viene eliminata e sostituita con il termine «emergenza», riconoscendo il grave disservizio in capo ai consumatori”.



20/12/2018