GEOLOCALIZZAZIONE GOOGLE, U.DI.CON.: “SE MOUNTAIN VIEW VIOLA LA PRIVACY DEGLI UTENTI, DEVE PAGARE”


click 168 Stampa


Roma, 29/11/2018 – “Non si tratta più di Davide contro Golia, perché i consumatori europei stanno alzando il loro livello di consapevolezza e quando si tratta di dati personali ora sono molto più attenti – scrive in una nota il Presidente Nazionale U.Di.Con. Denis Nesci – ecco perché abbiamo deciso di segnalare una sospetta modalità di raccolta dei dati a danno degli utilizzatori di dispositivi Android gestiti da Google LLC che potrebbero violare le norme in materia di GDPR. Sembrerebbe infatti che Google LLC non informi in maniera adeguata gli utenti in merito ai dati che vengono effettivamente raccolti attraverso il sistema di geolocalizzazione”.

Per Mountain View c’è un’altra gatta da pelare e questa volta, potrebbe essere anche bella grossa. Sono migliaia i consumatori europei sul piede di guerra per alcuni sospetti circa le modalità con cui Google raccoglierebbe dati personali attraverso la geolocalizzazione degli Android gestiti proprio da Google LLC.

“Se dovessero essere confermate queste circostanze, attraverso le quali Google LLC raccoglierebbe i dati, saremmo di fronte ad un fatto gravissimo – conclude Nesci - per questo motivo ci siamo sentiti in dovere di segnalare questa fattispecie al Garante per la Protezione dei Dati Personali, affinché possa valutare la conformità di tale condotta e laddove dovesse riscontrarne eventuali violazioni, ponga in essere gli opportuni provvedimenti a tutela del consumatore”.



29/11/2018