ITALIA, UN TURISMO DA “TOCCATA E FUGA”


click 223 Stampa


L’Italia è famosa in tutto il mondo per le sue bellezze paesaggistiche, culturali, artistiche, gastronomiche e chi più ne ha più ne metta. C’è una forte affluenza di turismo soprattutto nelle città più storiche come Roma, Milano, Firenze, Napoli e Venezia ma c’è un però. Numerosi dati descrivono il turismo italiano come un “turismo da toccata e fuga”, infatti numerosi turisti, stranieri soprattutto, inseriscono i loro viaggi nel Belpaese come tappa dopo aver visitato altre mete turistiche europee.

Ovviamente questa tipologia di turismo non favorisce l’economia domestica in quanto produce una forte affluenza di viaggiatori nelle mete più gettonate, appena citate, generando costi elevati per le amministrazioni locali ma allo stesso tempo provoca problemi alla circolazione del traffico e di inquinamento. Il turismo che favorisce il nostro Paese e, quindi, più conveniente è quello che spende più risorse e maggior tempo nel belpaese, apprezzando le altre numerosissime bellezze del nostro territorio, non focalizzandosi soltanto nelle città principali, come ad esempio le bellezze del Mediterraneo meriterebbero di essere visitate.

Per raggiungere questo obiettivo del turismo di qualità è necessario che i viaggiatori stranieri siano informati sulle località, consigliate in base a quante e quali opportunità offrirebbe un soggiorno prolungato in quel posto e per diffondere questo tipo di informazioni non si può far altro che utilizzare al meglio il web. Ma un’analisi mostra che i livelli di performance sul web dei principali siti italiani non sono in linea con gli altri paesi europei e bisognerebbe adeguarsi ai loro standard per avere un impulso maggiore.



09/08/2018