LUDOPATIA, INTERNET E MINORI. UN FENOMENO IN CRESCITA


click 273 Stampa


La ludopatia è una malattia. È la dipendenza di un soggetto nel praticare il gioco d’azzardo. Può sembrare esagerato parlare di patologia quando si tratta di “un gioco, o una moda”, ma non è così. Da diversi anni la dipendenza dal gioco d’azzardo non solo ha distrutto economicamente individui e famiglie ma tormenta con tutti i sintomi patologici di ogni dipendenza la persona che ne soffre.

Quali sono i sintomi che bisogna tener d’occhio per scongiurare di cadere nel vortice? E da evidenziare se già ci si è caduti?

· Essere assorbiti completamente dal gioco, pensarci e parlarne spesso, pianificare la prossima giocata, escogitare modi diversi per procurarsi denaro;

· Bisogno di giocare somme di denaro sempre maggiori;

· Fallimento nel tentativo di ridurre la propria dipendenza dal gioco;

· Ansia, irrequietezza e irascibilità nel momento in cui al giocatore viene sconsigliato o gli viene impedito di giocare, ovvero ci tenta egli stesso; 

· Utilizzo del gioco d’azzardo come “soluzione o palliativo” per sfuggire problemi di umore, impotenza, colpa, ansia o depressione;

· Irrefrenabilità: dopo aver perduto il giocatore tenta e ritenta un altro gioco pur di provare a “vincere”;

· Mentire alla propria famiglia o al terapeuta per nascondere la pratica del gioco d’azzardo;

· Commettere azioni illegali come il furto, lo spaccio o la frode per procurarsi il denaro da giocare

· Mettere a repentaglio una relazione sentimentale o familiare pur di continuare a giocare. Mettere a rischio la propria situazione lavorativa per lo stesso motivo;

· Fare continuo affidamento su altre persone nonché sui debiti sia per finanziarsi il gioco, che per la sussistenza.

Non è assolutamente necessario che tutti i sintomi elencati siano presenti nell’individuo, ne basta anche uno per indicare un caso di ludopatia.

Insomma il gioco d’azzardo è una droga e funziona come tutte le altre forme di dipendenza.

Il dato più sconcertante è che un terzo dei giocatori seriali è minorenne, non fa testo la provenienza sociale, il genere o l’orientamento scolastico e culturale.

La ludopatia colpisce sempre più persone giovani grazie a due strumenti: internet e il gratta e vinci. Il primo rende possibile giocare facilissimamente con qualsiasi smartphone anche in classe. Il secondo rende il gioco, “facile, economico e divertente”, anche per chi con il web non ha tanta dimestichezza.

Uno strumento critico per le fasce più adulte è rappresentato dalla Slotmachine, assai meno rilevanti sono le carte e il vecchio fantozziano casinò.

Udicon grazie al progetto in corso Prevenzione on the Road: Lotta alle Dipendenze finanziato dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali ai sensi della legge n. 383/2000, art. 12, comma 3, lett f - Avviso 2016, si impegna a contrastare il dilagarsi di questa patologia aiutando le vittime a “vincere” non una schedina, ma una scommessa su se stessi e sulle proprie potenzialità.



24/10/2017