PRIVACY: TUTTO QUELLO CHE Cí» DA SAPERE SULLA NORMATIVA UE


click 1074 Stampa


Negli ultimi anni, con l’utilizzo sempre maggiore di internet come mezzo di informazione e comunicazione rapido ed efficace e nello specifico con l’uso di social network ed app, il trattamento dei dati sensibili/personali avviene con modalità poco chiare, latenti e soprattutto poco attendibili in termini di legge da parte delle aziende di marketing le quali, troppo spesso, ottengono l’autorizzazione al trattamento dei propri dati in modo inconsapevole da parte degli utenti.

Questi ultimi, presi di mira dalle numerose attività di marketing, per utilizzare qualche funzionalità o poter accedere ai diversi servizi messi a disposizione del consumatore si ritrovano a dare il consenso all’utilizzo dei dati personali attraverso testi scritti in modo poco chiaro, con i dati che finiscono poi a soggetti terzi i quali studiano le abitudini di consumo a fini di marketing proponendo poi una pubblicità mirata senza aver ricevuto da parte dell’utente un’autorizzazione esplicita e tanto meno consapevole e se consapevole solo in parte, a causa di una strategia di comunicazione ambigua e di non facile comprensione derivante dall’utilizzo di una terminologia poco colloquiale e di natura giuridica.

Chi di noi non ha ricevuto chiamate ai fini promozionali da parte dei call center pur non avendo dato loro esplicita autorizzazione in tal senso? Questo è un chiaro esempio di come il cittadino seppur cosciente di tali dinamiche non ne conosca le cause.

Il nuovo Regolamento UE 2016/679 sulla protezione dei dati personali sancisce il consenso come “un atto positivo inequivocabile con il quale l’interessato manifesta l’intenzione libera, specifica, informata e inequivocabile di accettare il trattamento dei dati personali che lo riguardano”.

Nei confronti delle aziende pubbliche e private che non si adegueranno a tale normativa continuando nell’attuazione di comportamenti illeciti verranno applicate sanzioni che arriveranno fino a 20 milioni di euro o al 4% del fatturato, sanzioni che saranno applicabili dal 25 maggio 2018.

 



24/03/2017