MODENA, SINDACO IN CARROZZINA PER TESTARE L’ACCESSIBILITÀ DELLA CITTÀ


click 609 Stampa


Una mattina in carrozzina per provare l’accessibilità della città della quale è sindaco. E’ stata questa la proposta accettata dal sindaco Gian Carlo Muazzarelli, che qualche giorno prima è stato invitato dall’atleta paraolimpica Juliet Kaine che vive nelle vicinanze del parco XXI Aprile ed ha segnalato le numerose difficoltà nel muoversi per la città di Modena su una sedia a rotelle. Juliet Kaine si è voluta occupare personalmente della questione, dopo aver girato un video pubblicato lo scorso ottobre si è recata in Municipio sollecitando un intervento tempestivo del primo cittadino modenese. Gian Carlo Muzzarelli ha accettato l’invito dell’atleta italiana ed ha potuto verificare quanti e quali siano i disagi che i disabili vivono ogni giorno. Le prime difficoltà sono arrivate subito, una buca nel marciapiede, un autobus sprovvisto di pedana per persone diversamente abili sono solo alcuni degli esempi che si sono presentati dopo pochi minuti. I muscoli dell’atleta Kaine le hanno permesso di salire comunque a bordo del mezzo pubblico, ma il sindaco al contrario si è trovato a desistere. Pochi istanti dopo un altro problema si presenta agli occhi del sindaco di Modena, che deve fare i conti con il cavalcavia, dove è possibile superare la salita solo se si riesce a spingere con forza, oppure i marciapiedi eccessivamente piccoli, dove la carrozzina non sempre riesce a passare. Al termine della mattinata il sindaco ha previsto un piano di azione per risolvere le problematiche legate alle barriere architettoniche invitando Juliet Kaine e gli altri cittadini disabili ad essere i “collaudatori” di questo provvedimento.



29/12/2016