COMMERCIO, SALDI: GUIDA ALL'ACQUISTO SICURO


click 781 Stampa


E’ arrivata finalmente la tanto attesa febbre per gli acquisti scontati. Come ogni inizio di vendite in saldo è necessario mettere in guardia il consumatore da tutte le trappole che possono presentarsi sul suo percorso. Attenzione quindi a quello che vi si propone ed a quello che poi in realtà andate ad acquistare. Intanto è dovere dei negozi rispettare le condizioni favorevoli d’acquisto che investono il consumatore con un messaggio pubblicitario. Il prezzo di vendita al pubblico deve sempre essere chiaro e ben visibile in qualsiasi zona del negozio, che sia la vetrina, l’ingresso o gli scaffali. Attenzione anche alla composizione del cartellino che deve essere esposto con le seguenti caratteristiche: 1. Il prezzo originario (possibilmente, se si ha intenzione di comprare un particolare oggetto sarebbe utile essere informati sul prezzo esposto dal negoziante prima del periodo di saldi in modo da avere ulteriori certezze sullo sconto); 2. La percentuale di sconto (difficilmente può capitare in questo caso che il negoziante possa sbagliare appositamente il calcolo percentuale, verrebbe facilmente scoperto e sarebbe presto riscontrabile); 3. Il prezzo finale di vendita.

Per quanto riguarda la modalità di pagamento della merce scontata, ricordiamo che il commerciante è obbligato ad accettare tutti i metodi di pagamento, anche se, come succede spesso, ci si potrebbe trovare di fronte a qualche commerciante che, in barba alle regole, potrebbe richiedere solo il pagamento in contanti. Stesso discorso per i resi, il cliente ha la possibilità di avere la sostituzione o la riparazione del bene acquistato qualora presenti dei difetti. E per quanto riguarda l’acquisto effettuato online? Bisogna porre una maggiore attenzione per gli acquisti online, perché com’è noto, possono trarre maggiormente in inganno. Sconti eccessivi di marche importanti sono il più delle volte delle truffe, è bene sempre acquistare su siti sicuri e dai feedback positivi.



05/01/2017