OLIO D’OLIVA: PER UDICON FONDAMENTALI LE INDICAZIONE SULLE ETICHETTE


click 1398

Stampa


“Le norme europee che disciplinano le proprietà dei prodotti alimentari, talvolta possono causare una progressiva perdita delle caratteristiche primarie che contraddistinguono i prodotti tipici del Made in Italy”. -  Esordisce così il Presidente Nazionale dell’Udicon Denis Nesci, sulla questione dell’olio d’oliva di cui si ritorna a parlare questa volta in merito al disegno di legge europea 2015, diretto a modificare l’articolo 7 della legge n. 9 del 2013 nella parte in cui prevede un termine minimo di conservazione non superiore ai diciotto mesi per l’olio di oliva. – “ Attuando una modifica come quella riguardante la scadenza dell’olio si mette a repentaglio la qualità del prodotto stesso, a danno dei consumatori e a sfavore della tutela cui hanno diritto, il rischio è ritrovare in commercio olio d’oliva vecchio, prediligendo quindi lo smaltimento delle scorte a discapito della qualità; inoltre è risaputo che con il passare dei mesi l’olio d’oliva perde alcune proprietà organolettiche e benefiche che lo differenziano”.  –prosegue Denis Nesci - “E’ fondamentale serbare un termine di scadenza sulle etichette, così come l’indicazione dell’anno di raccolta poiché i consumatori hanno diritto a scegliere le qualità del prodotto da acquistare; hanno diritto a essere consapevoli che il prodotto che stanno comprando è olio d’oliva extravergine proveniente da un luogo piuttosto che da un altro con l’indicazione della data di produzione.” – Conclude il Presidente -  “E’ doveroso mantenere la possibilità di scelta nell'acquisto di un prodotto, differenziando un articolo da un altro, preservando la qualità e le proprietà dei prodotti che fanno parte da sempre dell’identità di un Paese”.



30/03/2016