VIAGGI, IN VIGORE IL CODICE DEL TURISMO


click 982 Allegato Stampa


L’estate del 2011 sarà certamente ricordata dai viaggiatori per le novità introdotte dal nuovo Codice del Turismo entrato in vigore oggi, 21 giugno 2011. Le innovazioni apportate dal D.lgs 79/2011 in tema di ordinamento e mercato del turismo, è il frutto dell’attuazione della direttiva 2008/122/CE, relativa ai contratti di multiproprietà, contratti relativi ai prodotti per le vacanze di lungo termine, contratti di rivendita e di scambio e ha sostituito le norme contenute, in suddetta materia, nel Codice del Consumo.
Tra le novità introdotte, sicuramente le modifiche più importanti sono quelle apportate in tema di contratto di multiproprietà, in quanto mancava una definizione unitaria, pregiudicando un’adeguata tutela dei consumatori europei. Secondo il nuovo Codice, il contratto di multiproprietà è "un contratto di durata superiore a un anno tramite il quale un consumatore acquisisce a titolo oneroso il diritto di godimento su uno o più alloggi per il pernottamento per più di un periodo di occupazione." Rispetto alla precedente normativa, i maggiori interventi sono stati fatti nelle seguenti aree: durata minima del contratto, da tre anni a un anno; diritto di recessione in quanto d'ora in poi si potrà esercitare entro i 14 giorni successivi alla stipula del contratto rispetto ai 10 giorni previsti dalla vecchia normativa; acconti, le nuove norme vietano qualsiasi tipo di versamento di denaro a titolo di acconto, prestazione di garanzie, deposito bancario, prima della fine del periodo di recesso. 
Ulteriori tutele sono state previste, in tema di  risarcimenti per vacanze rovinate da operatori turistici poco affidabili, e all’applicazione della mediazione a cui si può ricorrere, prima di rivolgersi al giudice, in merito a controversie sui servizi turistici.
Saranno inoltre avviati controlli più severi, per misurare la qualità dei servizi offerti, attraverso l’assegnazione di stelle per le strutture ricettive, compresi ostelli, campeggi e bed & breakfast.
Non rimane altro che aspettare le prime partenze, per avere i  riscontri rispetto alle nuove tutele apportate dal Codice.


21/06/2011 Allegato