Nel 2021 le imprese di assicurazione italiane ed estere che operano in Italia hanno ricevuto dai consumatori 92.975 reclami, in diminuzione dello 0,3% rispetto all’anno precedente.

In particolare, è diminuito del 3,3% il numero dei reclami ricevuti dalle imprese italiane (n. 78.015) ed è cresciuto del 19% quello dei reclami ricevuti dalle imprese estere (n. 14.960).

Per le compagnie italiane, l’incidenza dei reclami relativi al comparto r.c. auto si è ridotta dal 45,7% al 41,1% mentre è aumentata dal 36,3% al 41,2% quella degli altri rami danni. Di segno opposto l’andamento per le imprese estere, per le quali cresce il peso dei reclami nei comparti r.c. auto (dal 32,3% al 39%) e vita (dal 20% al 22,9%) mentre si riduce considerevolmente quello dei reclami relativi agli altri rami danni (dal 47,7 al 38,1%).

Quanto agli esiti, il 29,3% dei reclami è stato accolto, il 9,5% si è concluso con una transazione, il 55,9% è stato respinto, mentre il restante 5,3% risultava in fase istruttoria alla fine dell’anno.

Il tempo medio di risposta ai reclamanti da parte delle imprese continua a mantenersi considerevolmente al di sotto del limite di 45 giorni previsto da Regolamento del 2008.

La documentazione completa sull’analisi può essere consultata sul sito dell’IVASS al presente link.

Le tabelle sono interattive e permettono di effettuare comparazioni fra i vari operatori.

I commenti sono chiusi.