L’evoluzione della televisione ha avuto una crescita esponenziale soprattutto negli ultimi anni e, a quanto pare, il 2021 non sarà da meno poiché l’Italia passerà a un nuovo standard televisivo, il cosiddetto DVB T2. Ma cosa cambierà esattamente?
In materia di contenuti televisivi non molto, i programmi e i canali saranno invariati, con la sola eccezione però che trasmetteranno tutti in HD, ovvero in alta definizione, andando così ad eliminare i canali in visione standard, ma come posso sapere se la mia televisione potrà ricevere il nuovo segnale DVB T2? I vari siti competenti hanno da pochi mesi diramato un comunicato molto semplice per capire se il proprio televisore riuscirà a captare i nuovi segnali oppure vi sarà la necessità di acquistare un decoder esterno per potenziarlo.

La procedura da fare è molto semplice, basterà sintonizzarsi sui canali 200 o 100, poiché essi sono canali “test”, e notare se sulla schermata compare la scritta “Test HEVC Main10“, se quest’ultima compare correttamente significa che il vostro televisore sarà compatibile con la nuova frequenza e che quindi potrete vedere in tutta tranquillità i vostri canali preferiti, situazione contraria invece, dovrete provvedere alla sostituzione della tv o ad un’integrazione di un decoder esterno. Ma quando avverrà esattamente il passaggio alla nuova tv digitale?

L’inizio è previsto per settembre 2021, ma solo in alcune aree geografiche del paese come avvenne in passato e saranno in Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna e le province di Trento e di Bolzano, per poi arrivare in tutta Italia entro il 31 marzo 2022.