Cure odontoiatriche interrotte (e che non riprenderanno né ora, né mai) e pagamenti che continuavano ad essere ricevuti.

Così l’Antitrust ha iniziato a indagare su Dentix e tre finanziarie: Cofidis, Deutsche Bank e Fiditalia.

Dentix, il franchising di cliniche odontoiatriche, che nel bel mezzo del lockdown ha interrotto le attività ora riceve un grosso e definitivo colpo finale.  Le tante sedi in tutta Italia non sono bastate per reggere la chiusura ed ora si è arrivati alla dichiarazione di fallimento da parte del tribunale di Milano. Sono numerosi i pazienti rimasti a “bocca aperta”, in tutti i sensi. Molti di questi avevano firmato dei contratti di finanziamento, con rate che continuavano a gravare nonostante la chiusura dei centri e l’interruzione delle cure.

Ma cosa devono fare ora gli utenti? Il Tribunale di Milano assegna ai creditori e ai terzi che vantano diritti reali e mobiliari su cose in possesso del fallito il termine perentorio di 30 giorni prima dell’adunanza, per la presentazione delle domande di insinuazione.

Termine per deposito ammissione allo stato passivo: 18/01/2021

Stabilisce, inoltre, il giorno 17/02/2021 alle ore 09:30 per l’esame dello stato passivo avanti al Giudice Delegato

Per maggiori informazioni potete scrivere all’indirizzo e-mail: dentix@udicon.org