Il Parlamento italiano nel mese di febbraio ha approvato il pacchetto sicurezza, contenendo al suo interno anche la liberalizzazione di vendita delle bombolette spray antistupro. E’ giusto ricordare che questa norma fu introdotta sull’eco del grave episodio accaduto a Roma e che ha visto vittima Giovanna Reggiani, morta lo scorso anno dopo aver subito una violenza. Ad affermarlo in una nota è l’Udicon Unione per la difesa dei consumatori. Nei mesi scorsi – si legge nella nota – i negozi di armi hanno registrato un vero e proprio boom delle vendite di questo tipo di prodotto. Se si analizzano i dati del Ministero dell’Interno, a partire dall’anno 2007, ci si rende conto che la vendita libera di questo prodotto ha fatto un favore alla criminalità, difatti, su 144 episodi di aggressione e di violenza; solo 17 sono i casi di utilizzo per autodifesa. In secondo luogo – prosegue la nota – molti sono i pareri dissonanti in merito alla nocività ed agli effetti collaterali che questi spray provocano. L’Udicon, come associazione consumatori si è documentata, su tali effetti, considerando ricerche condotte negli Stati Uniti, dalla Texas Criminal Justice Coalition, è uno studio condotto dall’università del Texas che sancisce la pericolosità dello spray che provoca danni gravi alla salute di chi subisce l’offesa con questo strumento. Basta andare su internet per rendersi conto – prosegue la nota – che molti dei pareri di medici italiani sono contrari all’uso delle bombolette soprattutto perché composte non solo da elementi naturali come il peperoncino (sostanza irritante), ma anche da sostanze tossiche infiammabili che possono provocare gravissimi problemi respiratori. E’ necessario – conclude l’Unione per la Difesa dei Consumatori – fare luce affinché gli utenti consumatori da un lato e i commercianti dall’altro possano avere delle linee guida ben chiare. “Occorre che il Ministero degli Interni emani al più presto il decreto attuativo che possa stabilire principi di utilizzo da un lato; è necessario, inoltre, che il Ministero della Salute si esprima in maniera netta sugli effetti che provocano gli spray antistupro”.