L’U.Di.Con (Unione difesa consumatori) lancia l’allarme sulla pericolosità della diossina nelle mozzarelle in Campania.

“Le indagini di questi giorni ci fanno tirare un sospiro di sollievo, ma dobbiamo ancora prestare la massima attenzione a ciò che mangiamo, in considerazione dei risultati effettuati su centinaia di mozzarelle, che rilevano una dose ancora troppo elevate di diossina”. Con queste parole il presidente dell’Udicon, Denis Domenico Nesci, lancia un accorato appello, a seguito dei controlli effettuati in 24 ore su 120 prodotti caseari : oltre a ingenti quantità di mozzarelle, sono state trovate fialette di anabolizzanti e di ormoni della crescita. Le persone indagate sono gestori di caseifici, funzionari pubblici, titolari di aziende bufaline. Alcuni di loro erano già stati coinvolti in indagini sui clan casertani. Questo filone infatti prende avvio dalla vicenda dello smaltimento di rifiuti tossici, attività svolta per anni dalle organizzazioni criminali del Casertano.

L’U.Di.Con invita i cittadini a non esagerare con i latticini, in quanto i pericoli maggiori si riscontrano in presenza di un uso massiccio e continuo.