SANITÀ, U.DI.CON.: “TROPPI DISAGI NELLA ASL DI GIUGLIANO”


click 125 Stampa


CAMPANIA

Giugliano (NA), 16/04/2018 – “E’ da tempo ormai che riceviamo numerose segnalazioni dai cittadini sui disagi che si stanno verificando presso l’ ASL di Giugliano in provincia di Napoli – scrive in una nota il Presidente Regionale dell’ U.Di.Con. Campania, Ivan Cirillo –  non sono serviti neanche gli articoli di giornale apparsi nelle ultime settimane a mettere un freno a quello che, a tutti gli effetti, è un problema di gestione del personale impiegato che ha inevitabilmente delle ripercussioni sui cittadini costretti a fare ore ed ore di attesa per poter rinnovare il ticket. Di fronte ad un atteggiamento che va avanti ormai da tempo ci chiediamo come sia possibile questa totale indifferenza da parte del dirigente del distretto sanitario interessato, risulta alquanto improbabile che non si sia accorto di una situazione talmente evidente.”

 

In questi giorni molti cittadini si stanno recando presso la ASL per la richiesta di concessione o rinnovo ticket, ma loro malgrado, nonostante la fila dalle prime ore dell’alba, non riescono a parlare con gli operatori addetti alla pratica che, puntualmente, li rimandano al giorno successivo con tutti i dovuti relativi disagi del caso.

 

“Ci è stato segnalato che per poter usufruire dei servizi erogati dalla ASL, i cittadini sono costretti a recarsi nelle prime ore del mattino a fare la fila o addirittura di notte – continua Cirillo– altrimenti corrono il rischio di non riuscire a vedersi assegnato un numero, ed è ancora più assurdo che la ASL metta a disposizione un numero limitato di ticket rimandano indietro i cittadini all’esaurimento degli stessi. In qualità di associazione a tutela dei consumatori chiediamo che questa situazione venga risolta quanto prima, effettuando i dovuti controlli e mettendo in atto un metodo alternativo di gestione del flusso degli utenti – conclude Cirillo – bisogna mettere in cima a tutto il diritto dei cittadini di poter usufruire delle prestazioni assistenziali e sanitarie”.

 



16/04/2018