SECONDARY TICKETING, U.DI.CON.: “SERVONO REGOLE FERREE”


click 367 Stampa


“Visto il ritorno in voga del tema Secondary Ticketing, riteniamo necessario richiamare l’attenzione sull’importanza di un intervento su questa modalità di acquisto di biglietti per eventi che, troppo spesso, crea un danno al consumatore – scrive in una nota il Presidente Nazionale U.Di.Con. Denis Nesci – nonostante la sentenza del TAR del Lazio che ha escluso responsabilità in capo a TicketOne, il problema rimane ed è anche molto esteso”

Da anni ormai si parla di Secondary Ticketing, un argomento di discussione non solo quando scattano le sanzioni dall’Autorità, il tema infatti è oggetto di molte discussioni soprattutto sui social network, dove gli utenti continuano a pubblicare post protestando per le numerose problematiche che vengono riscontrate, in particolare per ciò che riguarda il sistema di vendita dei biglietti per eventi.

“Bisogna trovare il modo per far sì che il consumatore finale non debba fare i conti con esborsi eccessivi per un biglietto di un evento e se il mondo del Secondary Ticketing vuole rimanere in piedi, deve avere dei limiti che garantiscano la tutela di chi acquista – conclude Nesci – non dobbiamo spegnere la luce attorno a questa problematica, perché il prossimo grande evento è già qui”.



06/03/2018