DECRETO FISCALE, U.DI.CON.: “SPERIAMO NON SIA ALTRA OCCASIONE PERSA”


click 67 Stampa


“È il momento di fare un passo in avanti verso i consumatori, non è più possibile pensare che le Istituzioni mantengano una distanza tale con i cittadini, da non farli sentire in qualche modo tutelati – scrive in una nota il Presidente Nazionale U.Di.Con. Denis Nesci – bene lo stanziamento di nuovi fondi per i Comuni delle zone sismiche, anche se non sono mai abbastanza alla luce dei lavori fatti finora per la ricostruzione. Per lo stop della fatturazione a 28 giorni delle bollette – continua Nesci – serve la massima chiarezza, non ci si può permettere di perdere un’altra occasione, né tanto meno un altro regalo ai gestori di telefonia”.

Cresce l’attesa per il nuovo Decreto Fiscale, il provvedimento è giunto all’esame della commissione bilancio del Senato, ma potrebbe scontrarsi con nuove difficoltà, soprattutto per ciò che riguarda il nodo sui contratti per le utenze business e l’eventuale deroga per i piani tariffari in modalità prepagata.

“La fondazione cybersecurity è sicuramente un punto a favore di questo Decreto Fiscale, almeno sulla carta, in quanto permetterebbe di aumentare i livelli di cybersecurity, rimane invece da stabilire quale sia il ruolo dei soggetti privati all’interno della fondazione e se quest’ultima sarà effettivamente a beneficio di tutti i cittadini – conclude Nesci – non è più un punto sottovalutabile, il nodo della sicurezza online deve diventare una delle priorità, in virtù del numero sempre crescente di consumatori truffati quotidianamente sul web, con metodi sempre più sofisticati che rischiano di trarre in inganno anche i consumatori che hanno un livello di conoscenza medio della rete”.



14/11/2017