CONTRAFFAZIONE IN MATERIA ALIMENTARE, U.DI.CON.: “BASTA PERICOLI PER LA SALUTE DEI CONSUMATORI”


click 154 Stampa


COMUNICATO STAMPA

Roma, 02/08/2017 – “Non è la prima volta che interveniamo sull’argomento e continueremo a farlo finché si verificheranno casi di contraffazione di prodotti alimentari nostrani. Il prosciutto crudo DOP San Daniele sarebbe di nuovo sotto scacco per via di alcuni marchi contraffatti e venduti senza i necessari controlli dell’Unione Europea – ha detto il Presidente Nazionale U.Di.Con. Denis Nesci – speriamo che  i NAS di Udine identifichino al più presto i colpevoli, il nostro consiglio è quello di fare la massima attenzione prima di acquistare i prodotti e, nel dubbio, segnalare immediatamente ai Nas.”

I NAS di Udine, su ordinanza del GIP di Pordenone, avrebbero arrestato otto persone tra Udine e Pordenone nell’ambito di un’inchiesta sulla contraffazione di Prosciutti. Imprenditori, produttori, liberi professionisti e responsabili di macelli, tutti coinvolti nell’inchiesta che pare abbia riscontrato delle sostanze dannose per la salute nei prosciutti.

“Bisogna rintracciare al più presto i prodotti interessati nel caso siano stati immessi sul mercato – conclude Nesci – bisogna tutelare la salute dei cittadini cercando di lasciare sulle tavole degli italiani solo prodotti certificati e di sicura provenienza”.



02/08/2017